a cosa fa bene e come si usa in Cucina

a cosa fa bene e come si usa in Cucina

La giappo mania sta invadendo le cucine dei grandi chef e anche degli apprendisti ai fornelli. Non solo passione per sushi, yuzu e amasake, con curiosità per ricette fai da te, oggi in cucina la novità orientale è l’edamame.

Nei ristoranti giapponesi viene servito come aperitivo o antipasto accompagnato da birra ghiacciata, molto apprezzato, non solo perché è uno street food esotico sfizioso e duttile, ma anche ricco di proprietà benefiche. Infatti, in Oriente l’edamame snack è la merenda più popolare tra giovani e adulti, e gli usi in cucina e i momenti per gustarlo sono molteplici.

Si presentano come fagioli di soia acerbi, poi cotti per pochi minuti a vapore (metodo che vi permette di conservare maggiori valori nutritivi) o lessati, si possono consumare da soli una volta salati, oppure Giubbotto Peuterey come ingrediente per preparare zuppe o insalate.

Oppure, dopo averli cotti e salati leggermente, potete sgranocchiarli come antipasto o a merenda, proprio come fanno in Oriente. Per renderli ancora più saporiti, aggiungete un pizzico di paprika e i vostri edamame saranno perfetti per l’ora dell’aperitivo. Se invece li acquistate surgelati, già privati della buccia, sono perfetti per preparare zuppe, minestre o sughi per condire la pasta. Vi basterà cuocerli a vapore conservando parte dell’acqua di cottura, frullarli con un pizzico di sale, olio e aglio. Mettete in una padella i fagioli di soia con un po’ di olio extravergine di oliva, sale, pepe e chili. Lasciate sul fuoco caldo per 10 minuti e infornate poi a 180 per altri 30 minuti. A fine cottura, versateli in una ciotolina per gustarli caldi e croccanti. In alto le bacchette!

Insalata di edamame, leggera e nutriente

Gli edamame arrostiti sono ottimi anche per arricchire l’insalata. In questo caso preparate in una ciotola la lattuga con pomodorini, carote, cetrioli e gamberetti lessati. Poi aggiungete gli edamame arrostiti, sale, olio, succo di limone e avrete un piatto genuino e completo con la giusta dose di fibre, vitamine e proteine necessari per affrontare il pomeriggio in ufficio.

Una seconda versione di insalata di edamame Scarpe UGG Online è la seguente: cavolo nero, carote, peperoni, avocado, zenzero e, dulcis in fundo edamame cotto a vapore, da condire con sale, olio e aceto di mele. Anche questa insalatona è un signor primo piatto, ma se siete proprio dei gran golosi potreste aggiungere una patata lessa che si sposa alla perfezione con il cavolo nero lessato.

Hummus di edamame, ricetta facile e gustosa

L’hummus di edamame è un’alternativa ideale al classico hummus di ceci preparato con la salsa thaina. Ha la medesima dose proteica, gusto superbo, ed è facilissimo da preparare. Cuocete gli edamame a vapore e frullate con tahina, sale, succo di limone, aglio, acqua, un pizzico di cumino e un pizzico di paprika. Una volta preparato l’hummus potrete spalmarlo sulla piadina, sui crostini, sul pane o sui crakers.

Hamburger vegetariano? Sì, hamburger di edamame!

Infine, un’alternativa all’hamburger di carne, di pesce, di verdure o di soia: protagonista è l’edamame. Impastate in una terrina farina integrale, farina bianca 00 e acqua. Pian piano aggiungete l’edamame precedentemente cotto a vapore e frullato con ricotta di capra, spianaci tritati, un pizzico di sale e pepe. Dopo aver impastato preparate dei dischi e cuoceteli nel forno caldo a 200 per 20/30 minuti.

Ma perché in Oriente si mangia così spesso l’edamame? Questi fagioli di soia acerbi e dal sapore delicato, sono ricchi di proprietà nutrizionali. uelli maturi sono maggiormente ricchi di proteine vegetali complete, vitamine e sali minerali. Grazie alla presenza di isoflavoni, ovvero sostanze bioattive che combattono il colesterolo e riducono il rischio di cancro alla prostata e al seno e di incorrere in malattie cardiovascolari. Il consumo di edamame è particolarmente consigliato alle donne in menopausa stivali UGG Scontati che hanno bassi livelli di estrogeni; in questo modo, grazie alle sostanze fitochimiche della soia, è possibile contenere gli squilibri ormonali e allontanare il rischio di obesità. Gli edamame sono inoltre poveri di calorie e fonte di fibre per sostenere la regolarità intestinale e aumentare il senso di sazietà.

Sicuramente le novità provenienti dalla cucina orientale non finiscono qui. In attesa di scoprire nuovi prodotti e usi in cucina, leggete questo articolo su come preparare un sushi vegetariano. Se invece siete ancora alle prime armi e volete replicare il sushi come lo mangiate al vostro ristorante giapponese di fiducia, prendete appunti da questo articolo su Come fare il sushi in casa.

Nata a Foggia, vive a lavora a Bologna. Per il Giornale del Cibo scrive di approfondimenti, eventi e scuola di cucina.

Il suo piatto preferito sono le polpette al marsala di nonna Francesca, perché “più che un piatto sono un correlativo oggettivo di montaliana memoria: il profumo di casa, le chiacchiere con papà, la dolcezza di mamma che prepara da mangiare, le risate con mia sorella e i cugini. Insomma, un tripudio di ricordi ed emozioni a tavola”.