AL SERVIZIO DELL’UMANIT

AL SERVIZIO DELL’UMANIT

stata una grande emozione, e soprattutto un immenso onore, aprire ieri in Vaticano, alla presenza del Santo Padre, i lavori di “Sport at the Service of Humanity”, la prima Conferenza globale dedicata alla fede e allo sport.L’obiettivo di questa importantissima iniziativa, che proseguirà fino al 7 ottobre, è quello di creare un movimento globale, per ispirare innanzitutto i giovani all’accoglienza dei valori dello sport come principi fondamentali della vita di tutti i giorni: compassione, rispetto, amore, ispirazione, equilibrio e gioia, sono i sei principi che guidano la filosofia del Pontificio Consiglio della Cultura, che ha organizzato la Conferenza.I nomi dei partecipanti a questo grande appuntamento sono importanti e prestigiosi, sento il privilegio e la responsabilità di far parte di questa “squadra” e di avere dato il calcio d’inizio di questo evento.Sono convinto che anche grazie a occasioni come questa si possono fare passi avanti nella cultura e nella consapevolezza del valore dello sport, portato alla sua essenza, al suo vero senso.Pubblichiamo uno stralcio dell’intervista di Alessandro a SkySport, al termine della prima giornata della conferenza “Sport at the Service of Humanity”Hai inaugurato la cerimonia d’apertura, palleggiando di fronte al Papa. Un po’ di emozione c’eraSì, è stato il palleggio più complicato della mia vita. C’era la chiara sensazione e l’emozione di essere in un momento speciale, non solo nei confronti del Papa ma anche di tutti gli altri leader religiosi e delle alte cariche politiche e internazionali che oggi sono venute qua per questo messaggio.Papa Francesco ha detto che vincere e giocare con lealtà vale di Scarpe UGG Donna più. Sei d’accordo?Vale tutto e ha un sapore speciale ovviamente. Senza lealtà non è sport, non è quello che promuoviamo e quello che la gente vuole vedere, a mio avviso. La competitività è sempre la fonte ispiratrice, anche della mia carriera, ciò non toglie che non si debbano seguire le regole e non si debba essere puniti in alcuni casi o in altri avvantaggiati. Quindi ci si augura di avere sempre questo messaggio ben chiaro davanti a noi. Il Papa è stato bravissimo ad evidenziarlo, senza trascurare la competitività e la vittoria, citando anche lo sport amatoriale, tutto lo sport in generale, che non significa soltanto quello che va in televisione.Papa Francesco ha ricordato anche che lo sport deve essere di tutti, non solo di chi arriva a grandi livelli.Assolutamente sì, si è parlato di campioni del mondo, di Olimpiadi, di Paralimpiadi, ma anche del campetto dietro casa dove io stesso ho cominciato a giocare con gli amici, con un pallone di fortuna o altro. Questo è da sottolineare ed è bello che sia stato uno come lui a farlo.Ci sono sei principi intorno a cui ruota questa conferenza: compassione, rispetto, Scarpe UGG Online amore, ispirazione, equilibrio e gioia. Dove bisogna lavorare di più secondo te?Dipende da Paese a Paese. Ci sono realtà diverse dove lo sport viene vissuto in maniera diversa. Oggi negli Stati Uniti è diverso da come lo vediamo qui in Italia o nei Paesi latini. Quindi credo che abbiamo cercato di esaltare questi sei principi proprio perché Scarpe UGG Online gli uni con gli altri si riescono ad integrare benissimo. Anzi, fondamentalmente devono essere presenti tutti e sei. C’è da lavorare dove si è un po’ più carenti, ma anche conservare quello che è prezioso e cercare di dare sempre un segnale sempre molto forte con in testa questi principi.