Centro Sportivo Italiano

Centro Sportivo Italiano

Sampdoria, accolti oggi all’Oratorio La Salle di Genova.

EddieSalcedo: “Sono molto felice di essere qui, anche io infatti ho iniziato a giocare a calcio in Oratorio a Sestri, dove abitavo, per questo mi sento molto vicino a questi ragazzi e condivido la loro emozione. L’esordio a Marassi è stata un’emozione unica, sono nato genoano ed il mio sogno è sempre stato quello di vestire questa maglia”.

Gianluca Caprari: “Anche io da piccolo ho iniziato a giocare a calcio in Oratorio con il mio gruppo di amici. A tutti questi ragazzi consiglio di giocare sempre con entusiasmo e passione e soprattutto di divertirsi”.

Una giornata che ha regalato emozioni a tutti i partecipanti. Infine, tanto divertimento con alcuni dei giovani calciatori della Junior TIM Cup scesi in campo insieme agli ambasciatori delle squadre liguri.

Genova ha già ospitato la VI edizione della Junior TIM Cup in occasione del pre partita di Sampdoria Sassuolo, quando al Luigi Ferraris le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell’Oratorio Santa Dorotea di Genova hanno disputato in un’amichevole sullo stesso campo dei loro idoli calcistici, sostenuti dal calore dei tifosi sugli spalti.

Per la città della Lanterna, tra l’altro, si tratta di un gradito ritorno: nel 2015 proprio a Genova è stato donato uno dei “Campi dell’Amicizia” realizzati dalla Junior TIM Cup, riqualificando il campo da calcio della parrocchia di San Giuseppe al Lagaccio dopo le pesanti alluvioni che avevano colpito il capoluogo ligure, permettendo a tutti i ragazzi del quartiere di condividere momenti spensierati e di gioia nel segno dei valori dello sport.

Il torneo coinvolge gli oratori delle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM e nelle precedenti edizioni ha fatto giocare oltre 53mila ragazzi in tutta Italia e quasi 4mila oratori, promuovendo l’alleanza tra sport di vertice e di base nel percorso di crescita e formazione dei più giovani.

Il CSI è partner del progetto Erasmus+sport “ELIT in”, che pone l’attenzione sugliatleti professionisti a livello internazionale, i quali sono costretti ad abbandonare anticipatamente l’istruzione per gli impegni sportivi. Una volta terminata la loro carriera sportiva, si rendono conto che è molto difficile trovare un lavoro con l’istruzione ricevuta e accreditata.

Tuttavia, per ottenere prestazioni elevate, questi atleti hanno acquisito, allenato e migliorato per tutta la loro carriera Scarpe Australiane UGG una serie di capacità e abilità personali che, indubbiamente, sono essenziali per ottenere prestazioni ottimali, professionalità che sono molto apprezzate dal mercato del lavoro. Queste abilitàsono conosciutecome “competenze trasversali”, “soft skills” o addirittura “abilità di vita” acquisite attraverso un processo di apprendimento informale.

Il progetto ELIT in persegue lo scopo di “Erasmus Plus”della promozione delle doppie carriere degli atleti. L’obiettivo è quello di lavorare, attraverso un approccio innovativo, al riconoscimento delle competenze trasversali acquisite da atleti ad alte prestazioni durante le loro carriere sottolineandone il valore come fattore differenziale per accedere al mercato del lavoro.

Nell’ambito del bando europeo “Sport as a tool for integration and social inclusion of refugees” volto a finanziare progetti che perseguano come obiettivo principale l’inclusione sociale dei rifugiati politici usando come mezzo lo sport, è stato approvato il progetto “Let’s Play” presentato dal Centro Sportivo Italiano in collaborazione con Scuola Centrale di Formazione (SCF).

Il progetto si ponecome obiettivodi coinvolgere i rifugiati nella vita delle comunità ospitanti, con un processo che mira a creare una coesistenza pacifica all’interno di un contesto socio culturale e tra individui culturalmente ed etnicamente differenti.

Giovedì 25 gennaio, presso il centro CEFAL di Villa San Martino (RA), si è svolta la prima riunione organizzativa dovesi sono poste le basi per l’implementazione del progetto e per l’organizzazione degli eventi e delle conferenze stampa di presentazione dell’iniziativa che si svolgeranno nel mese di febbraio.

Il progetto, della durata di 12 Scarpe Australiane UGG mesi, verrà realizzato nella provincia di Ravenna, presso i centri di ALFA e CEFAL di Ravenna.

Nel pre gara di Napoli Bologna amichevole fra due squadre delle parrocchie partenopee.

I capitani consegnano le fasce rappresentative dei valori del torneo U14 ai parigrado della Serie A TimNel pre gara di Napoli Bologna amichevole fra due squadre delle parrocchie partenopee.

I capitani consegnano le fasce rappresentative dei valori del torneo U14 ai parigrado della Serie A Tim

Napoli, 28 gennaio 2018 Oggi a Napoli, nel pre gara del match Napoli Bologna, le squadre della Parrocchia San Vincenzo Pallotti e della Parrocchia Sacro Cuore di Gesù si sono affrontate al San Paolo in un’amichevole terminata con il risultato di 2 7, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano.

Daniele e Martin, i capitani tra i ragazzi delle squadre d’oratorio hanno consegnato allo slovacco Hamsik e al portiere Mirante, i rispettivi colleghi di Napoli e Bologna la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli Stivali UGG Ebay all’ingresso in campo con il loro entusiasmo.

La VI edizione della Junior TIM Cup continua a disputarsi nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017 2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017 2018.

Il progetto Junior TIM Cup torna in campo, come per le precedenti stagioni, grazie ad un fondo nel quale confluiranno sia parte delle ammende comminate ai tesserati e alle società di Serie A TIM dal Giudice Sportivo durante il corso della stagione sia il contributo di TIM nel ruolo di title sponsor del torneo.

Pomeriggio azzurrissimo per i ragazzi della Junior Tim Cup che oggi hanno ospitato in oratorio il centrocampista croato, ambasciatore della squadra partenopea