David Gilmour torna sull’addio di Roger Waters

David Gilmour torna sull’addio di Roger Waters

David Gilmour ha rivelato che prendere in mano Scarpe Australiane UGG la leadership dei Pink Floyd nel 1985, dopo la separazione da Roger Waters, “non è stato un peso anzi è stata la possibilità per tornare a rialzarmi dal torpore ed alla fine ha funzionato bene”. Nel corso di un’intervista con la BBC, Gilmour rivela di non essere stato neanche sorpreso dalla capacità della band di continuare dopo l’addio di Waters, visto che avevano avuto la stessa forza di reazione anche dopo l’abbandono di Syd Barrett: “Quando Syd è andato via le cose sono cambiate completamente perché era evidente che i nostri punti di forza ed i nostri equilibri senza di lui sarebbero stati completamente diversi. Roger ha preso in mano le redini della band ed in pochi anni ha stivali UGG Scontati affinato le sue capacità di compositore fino ad avere il picco con Dark Side Of The Moon e The Wall”.

LA DEMOCRAZIA DI UNA BAND

Ma Gilmour rifiuta l’idea che i Pink Floyd possano essere ricondotti al solo Waters. Anche lui, Nick Mason e Richard Wright hanno dato un contributo importante: “La percezione delle persone su quello che accade all’interno di una band può essere poco chiara. Roger ha deciso di andare via, per fare quello che doveva fare, che era quello di non essere più bloccato in un gruppo in cui anche le altre Giubbotto Peuterey persone volevano avere potere decisionale su quello che succedeva. Lui ha continuato, a ragione, a fare le sue cose ed ha lasciato me a gestire la situazione”.