hogan in offerta Rolling Stones Moncler collaborazione piumini

hogan store online Rolling Stones Scarpe UGG Donna Moncler collaborazione piumini

Come la leggendaria Ford modello T, è disponibile da pochissimo sul mercato in qualsiasi colore desideriate, purché sia nero, la collezione di piumini dedicata dalla Moncler ai cinquant’anni di attività dei Rolling Stones: la linea, declinata solo al maschile, include quattro diversi modelli di piumini Gå Ner I Vikt Snabbt leggeri in pelle foderata con UGG Italia la stampa dell’immortale logo quello della lingua della formazione capitanata da Mick Jagger e Keith Richards, oltre che a due felpe e una t shirt. Siccome è difficile immaginare una mossa istintiva e estemporanea, potrebbe trattarsi di un interessante segnale di diversificazione e di un tentativo di segmentazione.

In secondo luogo perché così Moncler corteggia il Viktminskning Tabletter rock, che evoca uno stile finora considerato distante dal proprio. E’ forse una separazione dall’hip hop? Più che una dichiarazione d’intenti, Gå Ner I Vikt På En Vecka assomiglia a una strategia di tipo “learning by doing”: sdoganato prima dai campi da sci per approdare agli ambiti urban/glamour, il logo Moncler viene ora traghettato finalmente nel rock con l’aiuto di Jagger e soci, ovvero della più grande multinazionale musicale del mondo che non sia una corporation in senso stretto. Se si tratti di un passaggio vintage solo temporaneo o di una prova di posizionamento alternativo, è presto per dirlo, ma di sicuro non è una mossa di PR estemporanea sganciata da obiettivi di business: a nessuno dei due marchi coinvolti sarebbe convenuto prendersi il disturbo.

Se il progetto “Stones capsule” con o senza gli Stones avesse un futuro e uno sviluppo stilistico, Moncler andrebbe a coprire un segmento interessante (adulti alto spendenti), destagionalizzerebbe il Gå Ner I Vikt Snabbt marchio (t shirts e hoodies) e prenderebbe le distanze dal non sempre controllabile mondo dell’hip hop in maniera garbata meno rumorosa di come accadde allo champagne Cristal, sul quale Jay Z lanciò una fatwa Giacconi Peuterey dopo che un incauto portavoce aveva espresso dubbi sulla congruità dell’associazione tra le reali bollicine e i rappers che ne consumavano (pagandolo) quantità industriali, sfoggiandolo come catene d’oro al collo.

Sull’importanza del graduale gioco di posizionamento testimonia il prezzo dei capi, che sono veri “collector items” a tiratura limitata e che, prezzi alla mano, sono appannaggio di pochissime tasche. Drake, indossando la Gå Ner ett Kilo I Veckan giacca “Maya” di Moncler (prezzo al pubblico $ 1.150) nel video di “Hotline bling” (vedi sopra), due mesi fa fece raddoppiare le vendite del modello il giorno dopo il lancio della sua clip. Ma quello era un tradizionalissimo “product placement” con contorno di marketing virale. Se dovessimo vedere accadere qualcosa di simile con Keith e Mick, allora sapremmo che siamo alle prove generali di una sponsorship del prossimo tour mondiale

sul diritto d’autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propricaso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all’atto della.