outlet hogan bari risposta a Ernesto Screpanti Il rasoio di Occam

hogan interactive nere pelle risposta a Ernesto Screpanti Il rasoio di Occam

Contro il di regime

La del . In ricordo di Gustavo Bueno (1924 2016)

Blade Runner 2049: l’autenticità del sé nell’era della sua riproducibilità La differenza minima. Psicoanalisi e Conversazione con Alenka Zupani

Erik Olin Wright: estendere Viktminskning Tabletter la per erodere il

Prima di lui la critica sociale si reggeva principalmente su un impianto moralistico. Ecco perché Marx ha segnato un progresso enorme nel pensiero cui fanno riferimento le classi subalterne. Ma questo progresso nasconde anche un lato meno positivo: esso occulta il problema della giustificazione, dell’ancoraggio razionale o valoriale della critica e del conflitto.

Sono grato a Ernesto Screpanti per aver esaminato con tanta accuratezza e con una notevole acribia critica alcune questioni sulle quali ho provato a ragionare in un libro recente che ho intitolato A lezione da Marx. Questo titolo non sta a significare, come si potrebbe pensare, che io voglia rivendicare in modo un po’ acritico un valore imperituro della lezione marxiana. Vuol dire invece qualcosa di completamente diverso, e cioè che, se si ragiona seriamente e criticamente su Marx, si possono imparare moltissime cose, e si ricevono tanti stimoli che possono essere efficacemente fatti reagire anche con le discussioni più aggiornate della teoria sociale e del presente. Questo punto emerge perfettamente dalle considerazioni che Gå Ner I Vikt Snabbt Screpanti dedica al mio lavoro: Marx può dialogare con , Harsanyi, Sen e tanti altri, e talvolta può essere anche usato per muovere ad essi delle critiche molto precise. Da questi confronti emerge anche, e la cosa mi pare ben comprensibile, che le riflessioni di Marx sulle questioni della e della sono molto meno sofisticate e assai meno articolate di quelle che si possono trovare nel grande supermarket del pensiero filosofico politico contemporaneo. Questo per due ragioni. La prima è che, per fortuna, anche la ricerca teorica e filosofica (come quella scientifica) progredisce, e dunque è inevitabile che, a quasi duecento anni dalla nascita di Marx, l’apparato di concetti e di ragionamenti di cui disponiamo si sia notevolmente incrementato. La seconda ragione è che (su questo punto Screpanti e io concordiamo) Marx non era interessato a uno sviluppo sofisticato e “tecnico” di questi concetti, perché riteneva di avere cose più importanti da fare (studiare le leggi di movimento della produzione capitalistica) e perché era iperconvinto della sterilità di ogni approccio di tipo astratto e moralistico alla critica sociale.

Ed è proprio questo il vero nodo sul quale bisogna fermarsi a ragionare, e sul quale si misura anche la distanza che separa le posizioni di Ernesto Screpanti dalle mie. Per capirlo, Marx va contestualizzato; nei socialisti e comunisti premarxiani (anche in quelli da Marx apprezzati come Weitling, che nasce nel 1808, dieci anni prima di Marx, e pubblica le sue opere principali negli anni Quaranta) la critica sociale non si regge solo su un impianto moralistico, ma talvolta addirittura evangelico: Weitling, per esempio, sostiene che i suoi elementi di fondo sono tutti già contenuti nel principio cristiano “Ama il prossimo tuo come te stesso”. Rispetto a simili prospettive Marx opera, come è evidente, un capovolgimento totale: ciò che conta è studiare “scientificamente” i meccanismi dello sfruttamento e dell’oppressione di classe e mettere in campo forme di conflitto organizzato che possano contrastarli. Questa rottura segna evidentemente un progresso enorme nel pensiero cui fanno riferimento le classi subalterne come orizzonte teorico delle loro lotte. Ma questo progresso nasconde anche un lato meno positivo: esso occulta il problema della giustificazione, dell’ancoraggio razionale o valoriale della critica e del conflitto; e questo occultamento, dal mio punto di vista, dà luogo a serissime aporie della teoria di Marx, delle quali penso che Screpanti sottovaluti sostanzialmente la portata. L’aporia di fondo, in sostanza, è questa: dalla descrizione di uno stato di fatto (il modo in cui funziona l’economia capitalistica, le contraddizioni e le miserie che produce ecc.) non si può ricavare Går Man Ner I Vikt alcuna prescrizione su come ci si debba rapportare ad esso. E poiché i testi di Marx sono pieni di esortazioni e di prescrizioni (per es.: abolire lo sfruttamento), non si sfugge al seguente dilemma: o queste prescrizioni si basano su una teoria prescrittiva o normativa sottostante (per esempio una implicita teoria della ) oppure non si basano su nulla e dunque sono arbitrarie, e Marx Går Man Ner I Vikt non ha nessun titolo per formularle.

Nel mio libro si cerca di sondare la prima via, e si giunge alla conclusione, sulla quale anche il mio critico concorda, che in Marx si trovano tante Giubbotto Peuterey suggestioni interessanti per una eventuale teoria normativa, ma nessuna teoria compiuta e coerente in proposito. La grande differenza sta nel fatto che per Screpanti questo non è un problema, mentre per me è un problema serissimo, in quanto quello che viene a mancare è proprio una giustificazione razionale e argomentativa degli aspetti non descrittivi ma prescrittivi che nei testi marxiani sono indubbiamente presenti.

Di fronte a questo problema si possono imboccare varie strade: la prima è quella di far finta di niente (come fanno Screpanti e molti altri marxisti), e a me sembra del tutto insoddisfacente. La seconda è quella di cercare, attraverso una strumentazione concettuale di tipo hegeliano, di scardinare la separazione tra descrizione e prescrizione: ci si può provare, ma dubito molto che ci si riesca. La terza è quella (weberiana Giacconi Peuterey o kelseniana) di rassegnarsi al fatto che le prescrizioni sono possibili, ma solo a partire da valori che vengono postulati: postulando i valori di ed eguaglianza, in una qualche loro specificazione, possiamo certamente ricavarne una critica del . E’ una strada possibile, ma a me sembra poco interessante: finché restiamo nel campo dei postulati, ognuno può assumere quelli che più gli aggradano, e il discorso finisce lì. L’unica strada che a me sembra meritevole di essere perseguita è la quarta: cercare una giustificazione più profonda dei nostri assunti prescrittivi, per esempio risalendo, secondo le indicazioni fornite da pensatori come Jrgen Habermas o Karl Otto Apel, alla normatività che è già implicita nel linguaggio umano; inteso come una dimensione dentro la quale è già contenuto il di ciascuno all’eguale riconoscimento come partner dell’interazione sociale, le cui esigenze devono essere prese in considerazione al pari di quelle di tutti gli altri. E’ una via difficile, certamente, ma a me sembra quella filosoficamente più attraente; almeno per chi sia interessato a indagare in profondità quali siano le ragioni che sostengono la critica alle tante forme (anche oggi tutt’altro che superate) di ineguaglianza e oppressione sociale.

Una parola, per concludere, sulla questione della . Gå Ner I Vikt Snabbt Anche qui la teoria di Marx, se la guardiamo come una proposta in positivo, non offre soluzioni, ma ci consente di confrontarci con molte interessanti aporie. Se la guardiamo come teoria critica, invece, formula un asserto che merita di essere preso molto sul serio: ci dice in sostanza che, anche nelle forme della moderna, il bandolo della matassa sta nelle mani dei poteri economicamente dominanti; che il economico del grande capitale controlla il politico più di quanto quest’ultimo non riesca a controllare o ad arginare il primo. Sarebbe sbagliatissimo (anche se talvolta è successo) prendere queste considerazioni come argomento per svalutare quel poco (o tanto) di che grandi processi storici hanno consentito di conquistare. Ma resta difficilmente aggirabile la constatazione che, finché permangono enormi dislivelli di sociale (economico, mediatico, culturale ecc.) la resta gravata da limiti troppo pesanti e rischia di trasformarsi davvero in una apparente. Questo mi Scarpe UGG Online sembra un pezzo della lezione di Marx al quale non è il caso di rinunciare.

Stefano Petrucciani è Professore ordinario di Filosofia alla “Sapienza” Università di Roma. Fra i suoi libri più recenti: A lezione da Marx (Manifestolibri, 2012) e Marx (Carocci, 2009).

E’ molto interessante. Ma a leggere le conclusioni, mi è venuto da sobbalzare: torniamo alle distinzioni (di infausta memoria) fra “formale” e demorcrazia “sostanziale” (di cui si faceva forte, si fa per dire, il “socialismo reale”)? Solo a partire dall’accettazione piena e dalla valorizzazione della rappresentativa e “borghese” (come si diceva una volta), si possono criticarne poi i limiti, le storture e le limitazioni (quelle di carattere censitario e quelle “partitocratiche”). Ripartire sempre daccapo, mi sia consentito di dirlo con cortese franchezza, non si può.

Ringrazio il prof. Petrucciani per l’importante contributo che, a mo’ di chiarimento, ha voluto apportare alla discussione.

Sono da lungo tempo un appassionato lettore ed estimatore di Habermas e, tempo addietro, ho avuto modo di discuterne, tramite internet, con alcuni membri di un sito a Lui dedicato.

Secondo loro, infatti, la tradizionale suddivisione dell’agire umano in “agire strumentale”, “strategico”, “drammaturgico”, “regolato da norme” ed infine “comunicativo” non avrebbe altra finalità e funzione che quella meramente e sociologicamente “descrittiva”; mentre io ho sempre pensato che essa avesse (o potesse avere) invece anche una funzione “prescrittiva” ed “emancipativa”.

Ritengo, infatti, che la libera discussione tra individui liberi ed uguali (che sono e che si riconoscono tali) possa riuscire come nella psicanalisi a disvelare ed a mettere a nudo tutte le costrizioni ed i condizionamenti sistemici imperanti, facendo sì che grazie a questa acquisita comune consapevolezza il cosiddetto “lebenswelt” (mondo della vita) sia messo in grado, non solo di “resistere” al perenne tentativo di “colonizzazione” da parte del sistema econonomico politico dominante, ma che riesca altresì a “scardinarlo” ed a “trasformarlo”, a sua volta, in un diverso sistema sociale più libero e, perciò, più attento ai reali bisogni umani che, dal canto loro, sono soltanto “discorsivamente” evidenziabili.

D’altronde, per quanto “affascinato” in età matura dal kantismo, anche Habermas nonostante il disappunto di Horkheimer fu, da giovane, un “hegelo marxista”!.